Login Form

MODIFICA ASSEGNO DI MANTENIMENTO

Cassazione 23024 del 16 settembre 2019

La Cassazione stabilisce che, stante la retroattività della decisione giudiziale di riduzione dell'assegno di mantenimento al momento del deposito della domanda di modifica delle condizioni, le somme già versate non sono ripetibili e quelle non versate non sono più dovute.

pdf3  Cass 23024/2019

 

SEPARAZIONE LAMPO A TORINO

Il Presidente del Tribunale di Torino Dott. Terzi ha fissato 179 udienze di separazione in una mattina.

In pochi minuti le coppie sono uscite dall'aula con il provvedimento in mano.

Grazie al processo telematico, alla collaborazione dei legali e del personale degli uffici, ormai a Torino vengono fissate udienze di separazione e divorzio consensuale entro 60 giorni dal deposito del ricorso.

La Stampa

 

PAS come riconoscerla

Il Tribunale di Brescia, con l'ausilio di una CTU approfondita, evidenzia otto elementi utili per riconoscere il caso in ui il figlio minore sia affetto da alienazione da sindorme parentale.

Secondo il consulente sono: 1) campagna di denigrazione; 2) razionalizzazione debole dell'astio; 3) mancanza di ambivalenza; 4) fenomeno del pensatore indipendente; 5) appoggio automatico del genitore alienante; 6) assenza del senso di colpa; 7) scenari presi a prestito; 8) estensione delle ostilità.

pdf3   Tribunale di Brescia

 

 

UNA TANTUM IN SEPARAZIONE

Cassazione 22401 del 6 settembre 2019

La Corte di Cassazione ribadisce il concetto secondo cui sono nulli gli accordi presi in sede di separazione con il versamento di una tantum onde evitare di  dover versare un assegno di divorzio.

Nel caso in cui il coniuge beneficiario della somma non sia autosufficiente il Giudice potrà ben disporre il versamento di un assegno di mantenimento divorzile.

pdf3  Cass 22401/2019

BERLUSCONI / LARIO niente assegno

Cassazione 21926 del 30 agosto 2019

Niente assegno alla ex moglie che non lavora perché ha accudito i figli.

Secondo la Cassazione la moglie non ha diritto all'assegno di divorzio nel caso in cui il marito abbia contribuito integralmente alla formazione del patrimonio dell'ex coniuge, patrimonio che consente alla stessa di vivere in agiatezza.

Il patrimonio accumulato ha compensato i sacrifici da lei fatti sul fronte professionale.

 

pdf3  Cass 21926

 

 

 

 

QUALE RELIGIONE PER IL FIGLIO

Cassazione 21916 del 30 agosto 2019

La Cassazione ha stabilito che in caso di conflitto tra genitori che intendano entrambi trasmettere al figlio minore la propria educazione religiosa, il Giudice può adottare provvedimenti restrittivi solo se vi sono conseguenze pregiudizievoli da accertare in concreto.

L'accertamento deve basarsi sull'osservazione e sull'ascolto del minore.

Diversamente lede la libertà dei genitori nell'educazione anche religiosa.

pdf3  Cass 21916/2019